TRENTODOC SUL “SET” DEL FILMFESTIVAL DI ROMA