ANIMALI NELLA GRANDE GUERRA

ANIMALI NELLA GRANDE GUERRA

Durante la Prima guerra mondiale cavalli, cani, muli, asini, colombi viaggiatori e tanti altri animali vennero mandati a soffrire e a morire insieme ai soldati al fronte.
Essi vennero utilizzati per lo spostamento di reparti e materiali, per le comunicazioni e per il sostentamento delle truppe. I cavalli impiegati sui vari fronti di guerra furono alcuni milioni, adibiti ai traini dei cannoni e ai carri per le colonne di salmerie. Il mulo si rivelò preziosissimo per il trasporto dei bagagli in alternativa ai carri, i cani vennero utilizzati sia come guardia che come mezzo di trasporto, i colombi viaggiatori portavano messaggi, mentre altri volatili vennero utilizzati per il rilevamento di gas nell’aria.
“Animali nella Grande Guerra” mette al centro delle vicende non gli esseri umani ma tutti gli animali che sono stati impiegati per la macchina militare del conflitto. In Trentino sono state girate alcune scene nelle trincee che sovrastano Rovereto all’imbocco della Vallarsa, e a Grigno in Valsugana.

Folco Quilici, esperto in materia storica e sincero animalista, ci introdurrà con quest’opera nel mondo inesplorato degli animali al fronte, un racconto anticonvenzionale del drammatico conflitto, che ricostruirà ricordi, storie, episodi di vita vissuta del rapporto, dentro e fuori la trincea, tra uomini e animali, tra incredibili momenti di assoluta serenità e tenerezza, alternati allo sfondo di in uno dei più tragici periodi della storia contemporanea. 

  • :
    • Folco Quilici
  • :
    • Marino Maranzana
    • Folco Quilici
  • :
    • Valentina Romano
  • :
    • Alessandra Papa
  • :
    • Alessandra Papa
  • :
    • Francesco Cerasi
  • :
  • :
  • :
    • Red Film
  • :
    • Mauro Maggioni
  • :